zeroseiplanet
Il portale per gli asili nido e le scuole dell'infanzia

CERCA I NOSTRI CORSI - clicca sulla mappa

 video

alt

consulenza

alt

News e Comunicati

Chi è on line

Ci sono 197 visitatori e un amministratore online

Avviso

Roma: all'asilo nido con il badge

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

 

ROMA - Un badge per i bimbi dell’asilo nido. È previsto da un progetto sperimentale del Campidoglio che partirà a settembre per monitorare la presenza dei bambini nei nidi comunali.

«Questo strumento - ha spiegato l'assessore alla Famiglia, all'educazione e ai giovani di Roma, Gianluigi De Palo - sarà utile soprattutto per la sicurezza nelle strutture, ma non solo. Consentirà anche di eliminare gli sprechi nel campo delle politiche educative. E consentirà di evitare situazioni di eccessivo affollamento». Con il badge sarà possibile infatti monitorare in ogni momento il rapporto tra bambini ed educatori, oggetto di polemiche dopo che una legge regionale lo ha innalzato a 1 a 7, con picchi, secondo i sindacati, di 1 a 10 in alcune fasce orarie. Ma il badge non è l'unica novità messa in campo dall'amministrazione capitolina per il nuovo anno scolastico. «Da quest'anno in tutti e diciannove i Municipi è stato attivato il sistema d'iscrizione online (c'è tempo fino al 20 giugno, ndr), che ha fatto registrare 2.673 domande». Anche se i posti totali disponibili nei nidi della Capitale sono 22.756, «1.208 in più rispetto a un anno fa», sono 8.615 bambini rimasti in lista d'attesa. Cinquecento in più rispetto allo scorso anno, tenendo però conto che alle 11.383 riconferme si aggiungono le nuove domande (19.607), per le quali si registra un aumento del 3%. Tra i motivi di crescita della domanda, secondo l'assessore «ci sono senz'altro l'aumento del numero delle nascite, il successo riscontrato dal servizio d'iscrizione on-line e l'effetto dei voucher di rimborso, un servizio per il quale Roma Capitale - aggiunge De Palo - mette a disposizione oltre un milione di euro». Le famiglie con indicatore della situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 25mila euro che hanno iscritto i propri figli, rimasti in lista d'attesa nell'anno educativo 2011-2012, in un nido privato autorizzato, dal 15 giugno potranno presentare domanda per il rimborso fino a un massimo di 1.000 euro a bambino. Nei prossimi mesi, assicura De Palo, «per venire incontro alle famiglie abbiamo anche deciso di realizzare un minibando aggiuntivo che ottimizzi l'accoglienza. Sono circa mille i posti rimasti inoccupati al termine delle procedure di accettazione che metteremo nuovamente a disposizione delle mamme e dei papà che opteranno per una soluzione alternativa alle preferenze espresse in sede di bando». Le tariffe per le famiglie, intanto, rimangono invariate rispetto allo scorso anno. Viene inoltre confermato l'investimento di oltre 224 milioni di euro per il prossimo anno educativo e «si sta lavorando - conclude l'assessore - affinché il badge possa "dialogare" con la Family Card che predisporremo, in modo che sia possibile caricarvi punti da spendere, ad esempio, nei musei e nei teatri».

© 2011 Tutti i diritti Riservati -  Centro Studi Zeroseiplanet centro di formazione  e ricerca per i servizi dell'infanzia